Prof. Avv. Fausto Malucchi
(Prorettore)

 
  Curriculum e attività professionale.

Fausto Malucchi:
Docente di Diritto Penale Istituto Italiano di Criminologia, Corso di Studio Scienze della Mediazione Linguistica Indirizzo Criminologia e Intelligence, dove ha svolto incarichi importantissimi per l'Istituto acquisendo meriti speciali. E' relatore delle tesi in Diritto Penale.
 

-       Laureato presso l’Università degli Studi di Firenze, nell’anno 1986, con una tesi relativa agli aspetti processuali della riforma dei patti agrari, relatore il Prof. On. Giovanni Galloni, vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura.

-       Dal 1986 ha svolto continuativamente ed in successione l’attività di Praticante Procuratore Legale, Procuratore Legale ed Avvocato.

-       Abilitato fin dal 2004 al patrocinio davanti alla Suprema Corte di Cassazione e alle altre Magistrature Superiori.

-       Dal 1995 al 2001 ha svolto l’attività di Pubblico Ministero Onorario presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Pistoia acquisendo una specifica esperienza nel settore penale e sostenendo l’accusa in circa quattromila processi.

-       Il 19 Giugno 1998 è stato il primo Avvocato non francese a difendere una causa di diritto penale davanti alla Corte d’Appello di Lione e nella requisitoria operata dal Procureur General venne definito: “Primo Avvocato non Francese, non Italiano ma Europeo a difendere davanti alla Cour d’Appel de Lyon”.

 

-       Nell’anno 2006 è stato nominato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati quale componente della Commissione d’esame per Avvocato presso il Distretto della Corte d’Appello di Firenze

-       In qualità di difensore ha affrontato casi di particolare rilievo anche nazionale in ragione dei quali è stato ospite anche in importanti trasmissioni televisive tra le quali: “Amori Criminali” e “Maurizio Costanzo Show”.

-       L’attività nel settore penale si è sviluppata soprattutto con riferimento ai reati di omicidio, rapina, narcotraffico, violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia, bancarotta, furto, ricettazione, truffa, falso, contraffazioni di marchio.

-       L’attività nell’ambito civilistico ed amministrativo è soprattutto legata alla tutela del marchio e all’assistenza delle aziende in generale con particolare riferimento alla sicurezza sul luogo di lavoro, e alla commercializzazione dei prodotti con marchio CE.

-       In ambito contrattualistico ha partecipato alle trattative, alla formazione del team, all’accordo ed alla stipula dei relativi contratti tra il campione di ciclismo Vincenzo Nibali e la Famiglia Reale del Bahrain, rappresentata da Nasser Bin Hamad El Kalefi, Quartogenito Erede al Trono, per la formazione di una nuova squadra del circuito UCI Pro Tour.

-       Ha svolto molte attività nel settore della giustizia sportiva ed in particolare nelle cause relative a violazioni della normativa antidoping. Tra queste di particolare rilievo la vertenza con l’UCI (Unione Ciclistica Internazionale) al fine di vedere neutralizzata la proposta di squalifica per doping del campione Marco pantani e di veder confermata la sua vittoria nel Tour de France del 1998.

-       Ha partecipato a vari convegni organizzati in Italia sia come relatore che come promotore (da segnalare quello tenuto nell’anno 2016 presso la Camera dei Deputati, con il Prof. Saverio Fortunato ed il Dott. Nino Di Matteo su “Diritto ed Intelligence” e quello tenuto nell’anno 2017 a Montecatini Terme con il Gen. Mario Mori su “Terrorismo e prevenzione”.

-       Nell’anno 2012/2013, con un incarico di quattordici ore nella materia di diritto penale, ha fatto parte del corpo docenti del Master promosso dal Comune di Pietrasanta, dal Centro Arti Visive del Comune di Pietrasanta e dall’Accademia delle belle Arti di Carrara sul tema: “I falsi nelle opere d’arte”.

-       Nel settembre 2015, su richiesta del Presidente del Consiglio dei Ministri, unitamente all’Avv. Elena Baldi, ebbe a presentare al Ministro di Grazia e Giustizia un articolato studio sulla separazione delle carriere in magistratura al fine di attuare la relativa riforma in sede normativa.

-       Nel Marzo 2016 ebbe a presentare al Ministero di Grazia e Giustizia uno studio di riforma normativa per garantire l’esecuzione coattiva dei provvedimenti in tema di affidamento e diritto di visita dei Minori.