Linguistica dell'Intelligence Istituto Criminologia.it


Diploma triennale equipollente
  Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica (Classe L-12)
Indirizzo Mediazione Linguistica per la Criminologia e Intelligence

  L-FIL-LET/12 Linguistica Italiana e dell'Intelligence II Anno
 

Anno Accademico 2020/2021

 
   
Periodo Annuale    
Crediti
 
9 CFU  
SSD attività didattica L-FIL-LET/12 Linguistica Italiana
   
Obiettivi

L’insegnamento si inserisce nell’area di linguistica generale, teorica e applicata, della quale approfondisce le conoscenze nell’ambito dei rapporti fra lingua e società. Mira pertanto a fornire nozioni, metodi e strumenti di analisi relativi al modo in cui le lingue si manifestano nell'uso dei parlanti e alla variazione che queste mostrano in correlazione con fattori sociali. L’insegnamento dei moduli relativi all'Intelligence mira alla valutazione corretta degli influssi delle situazioni socio-economiche, politiche, militari, informative e infrastrutturali sulla elaborazione di prodotti intelligence su specifiche aree di crisi.

 
 
Programma Modulo 1: Fonetica Articolatoria
Ambiti della fonetica
Fono e Fonema
I meccanismi
Il meccanismo pneumatico
Fisiologia dell’apparato pneumatico
Modi di fonazione
Il meccanismo glottidale
Fisiologia dell’apparato glottidale
La glottide e sua conformazione
I modi di fonazione
Il meccanismo articolatorio
Fisiologia dell’apparato articolatorio
Gli articolatori fissi e mobili
Il meccanismo articolatorio
Fisiologia dell’apparato oronasale
I modi di articolazione
Modi semplici. Modi complessi.
Seconda articolazione
I luoghi di articolazione.
Modi complessi e secondari
Le vocali. La trascrizione Fonetica
Esercitazione di trascrizione fonetica
Parole italiane. Frasi italiane
 
Modulo 2 : Fonologia
Cosa studia la fonologia
I costituenti minimi. Il fonema il fono e l’allofono. Coppia minima e regole di commutazione. Le tre regole di Trubeckoj. I fonemi dell’italiano
Il livello fonologico e il livello fonetico. La ridondanza e la distintività. Tratti distintivi e pertinenti. Il binarismo. La matrice fonologica. Tratti classificatori e composizionali. La classe naturale di suoni. I tratti distintivi Principali. Le regole fonologiche
Relazioni sintagmatiche e paradigmatiche
La semplicità delle regole. Formalismo
Cosa è un fenomeno fonologico. Regole con i tratti distintivi. Regola fonologica delle consonanti sorde aspirate in inizio di parola in inglese. I processi fonologici. Applicazione di regole: la palatalizzazione in italiano. I processi fonologici
I cambiamenti fonologici, assimilazione, dissimilazione
Metafonia. Armonia Vocalica, sincope, aferesi, prostesi. Elisione, Epentesi, Epitesi, Riduzione (centralizzazione scevà), Rafforzamento, Coalescenza, neutralizzazione. Quale metodo per studiare i fenomeni. Accento e tono, Segmenti e soprasegmenti
Fenomeni soprasegmentali, Accento Libero
Accento Culminativo, Accento fisso
 
Modulo 3 : Morfologia e Lessico
Le parole e i lessemi
Parti del discorso e occorrenze
Categorie grammaticali
Morfemi liberi e legati
I processi morfologici
Parole semplici e complesse
La derivazione. Regole per la derivazione
La composizione. Regole per la composizione. La testa e i composti
I processi fonologici. Le regole di riaggiustamento. Elementi di morfosintassi
La flessione. Richiamo alla tipologia morfologica. Esercitazione di analisi morfologica

Modulo 4 : Sintassi

Introduzione
La valenza dei verbi
I sintagmi e i gruppi di parole
Le frasi
Semplici e complesse
Coordinate e subordinate
Le relazioni fra i tipi di frasi
Genere, numero e caso
 
Modulo di linguistica dell'Intelligence 1-Definizione di politica. Definizioni contemporanee di politica. Regimi politici e dicotomia di democrazia. Metodo di analisi politica. Le conseguenze della trasformazione geopolitica. Le organizzazioni internazionali di Sicurezza. Modelli di strategici. Tipologia dei sistemi economici. Classificazioni dei gruppi sociali. Mondo arabo versus Occidente 2-Approccio secondo criteri di scientificità del problema di intelligence.  Livelli e categorie di intelligence
Tecniche dell'organizzazione dei dati , di generazione dello scenario, di valutazione degli scenari, di generazione di ipotesi, preparazione di un elaborato di intelligence
 
 
 
Metodi Didattici Le lezioni sono frontali.
Modalità di verifica dell'apprendimento scritta e orale
 

Testi di riferimento

1 - Luciano Romito, Manuale di linguistica forense. Con CD-ROM, Ed. Bulzoni
2 - Dispense del docente in Linguistica dell'Intelligence